BEPPE DOMENICI – Pittore e Scultore

Benvenuti al catalogo online del pittore e scultore Toscano Beppe Domenici

Biografia

Beppe (Giuseppe) Domenici

beppe_bio

Viareggio,

1924 – 2008

Nasce a Viareggio nel 1924, frequenta e si diploma al Regio Istituto d’ Arte “A. Passaglia “ di Lucca nel 1942 e nello stesso anno vince il 1° Premio di decorazione pittorica. Dopo il Liceo Artistico si iscrive alla Facoltà di Architettura di Firenze. Nell’estate del 1933 conosce Norma Mascellani che riconosce in Domenici le doti artistiche; ne diviene maestra e lo introduce nel mondo dell’arte, conosce Lorenzo Viani ed altri artisti versiliesi. Nel 1940 espone per la prima volta alla Galleria dei Vageri di Viareggio. Vince svariati primi premi e nel 1945 collabora al Centro Teatrale dei Giovani con la rivista “La Maschera”, avvicinandosi per la prima volta al Carnevale.

Nel 1947 espone a Firenze a Palazzo Davanzati e nell’estate dello stesso anno è presente al Kursaal di Viareggio ed insieme a Santini, Pardini e Viani in una collettiva; pubblicizza cataloghi per il calzaturificio Apice. Si avvicina al mondo del carnevale debuttando nel 1947 con una mascherata di gruppo insieme a Pardini. Nel 1950 disegna la cartolina ufficiale del Carnevale e costruisce il carro “Dopo il Veglione” in collaborazione di Giulio Palmerini. Nel 1952 è tra i costruttori dei grandi carri e nel 1953 si forma la coppia Beppe Domenici- Arnaldo Galli che lavora solo per un anno. Partecipa con un carro al Carnevale “Corso Fiorito” di Savona, disegnando anche il logo della manifestazione. Frequenta, a Forni di Albisola, i corsi di ceramica insieme a Fontana divenendone amico, come con Lele Luzzati che frequenta fino alla fine dei suoi giorni.; nel 1954 partecipa al concorso Premio di Albisola con un altorilievo Madonna della Misericordia. Nell’anno seguente prende parte ad una collettiva per il centro Versiliese delle Arti e alla Zattera dei Vageri; nel 1956, come caricaturista, al Premio Palma d’Oro di Torino.

Negli anni che vanno dal 1957 al 1963 realizza un suo laboratorio con tre forni. Vince vari concorsi, realizza pannelli in ceramica per la facciata della chiesa di Sant’Antonio, progetta, modella e assembla la fontana “Le 4 Stagioni” situata sul lungomare (diventerà monumento nazionale nel 2012) e la fontana “La Sirenetta” collocata davanti al Club Nautico della sua città; esegue pannelli in ceramica per l’ENEL di La Spezia. A Pietrasanta esegue sculture in marmo e in bronzo, alcuni bronzetti (personaggi storici) gli furono commissionati dal direttore della Vetrobel di Milano, ed ora si trovano in una collezione privata in Brasile; conosce Dazzi. Dipinge crocifissi lignei per alcune cappelle, tra cui la chiesetta dei pescatori di Don Sirio in Darsena. A Roma per Cinecittà realizza un gigantesco mostro animato per la Filmar (Goliah contro i giganti e Maciste contro i mostri), e lavora con Rambaldi. A New York, decora l’interno del reparto di giocattoli della Macy’s , in maiolica, porcellana e oro; per la U.S. Post di Washington modella dei poni Express. Negli anni Settanta rinnova le scenografie per il circo di Moira Orfei – Circus on Ice, di Liana Orfei – Le Mille e una Notte e per i fratelli Togni.

È di nuovo presente in collettive della sua città e con una personale a Courmayer, Lucca, Montecatini, Brescia. Parte per il Venezuela dove, al night club Hipocampo di Caracas, decora dei pannelli parietali che rappresentano la Storia della musica Criolla. Viene invitato dal club italiano di Rio de Janero per partecipare ad una mostra alla Galleria Gaucha .Partecipa all’Art Festival Scozzese di Edimburgo e viene invitato in Australia all’Art Italian Festival di Melbourne. Nel 1967, durante la lavorazione, per l’obbligo di rispettare un impegno all’estero, lascia che il carro “Qualcosa da salvare”, venga terminato dalla moglie Ivana Barsotti: la “prima donna” costruttrice di un carro, anche lei diplomata al Passaglia di Lucca e premiata a Savona per aver partecipato ad una sfilata di piccoli carri, con una sua creazione. Nel 1982 Beppe e Ivana, ad Acqui Terme, tengono dei corsi per insegnare la lavorazione della cartapesta, agli insegnanti di scuole superiori, corsi che sfociano in un carnevale dei bambini.

Continua ad alternare l’attività artistica alla costruzione di carri, dove torna nel 1969-70 nel periodo 1979-1981, per poi abbandonare definitivamente il mondo del carnevale. Viaggia molto tra Nord America, Carabi, Perù e Brasile, dove torna numerose volte e a testimoniarlo ci sono molti quadri. Negli anni Ottanta progetta per Sergio Bernardini il parco con delfinario “Bussolandia” a Lido di Camaiore (Lu). Di nuovo rinnova le scenografie per Moira e Liana Orfei. Nel 1988 insieme ai fratelli Togni, inventa il circo in Florilegio ambientandolo in un’atmosfera retrò e come scenografo segue il circo nelle tourneé; riporta sulle tele momenti di vita circense.

Nel 1990 viene incaricato, della Regione Toscana, a rappresenta la Toscana e l’ Italia in Australia al Melbourne Italian Festival Puppet Show (festival di marionette). A Forte dei Marmi nel 1992 presenta una serie di disegni su “ Il naso nella storia” alla Satira Politica. Nei due anni successivi per il gemellaggio Australia-Italia esporta pezzi di carri smontati che assembla, modifica e ne costruisce di nuovi a Freementle, ottenendo un grande successo nazionale. Negli anni seguenti restaura per il Cimitero Comunale di Viareggio il frontone il “Cristo Redentore” della chiesa e il frontone dell’ossario il “Cristo con le tavole delle leggi”. Restaura la fontana “Le 4 Stagioni” di cui è l’autore. Nel 2000 apre la personale estiva alla Saletta Hotel Excelsior, prende parte con il Club Alpino nella saletta del Principino con le Art grafiche delle Apuane. Tra il 2001 e il 2008, dona un quadro alla Misericordia e un quadro alla Croce Verde. Sviscera gli studi sull’Humour come un filo conduttore che lega i primordi dell’ umanità sino ad oggi e sulla Sintesi storica del Teatro e sulle Origini delle Maschere Italiane. Dona nel 2005 due quadri e alcune navicelle in ceramica, al Museo della Marineria. Scrive nel 2007 “Orizzonti perduti” ( ricordi, amicizie, episodi di vita vissuti da partigiano). Nel 2008 partecipa alla collettiva di Primavera e Pasqua che si tiene alla Galleria Europa di Lido di Camaiore; dona al Museo del Carnevale due bozzetti di carri inediti; dona all’ ANPI di Pietrasanta un quadro che raffigura i suoi compagni partigiani e all’ANPI di Massa un quadro che raffigura l’azione di Forno.

Beppe Domenici muore il 13 Maggio 2008 nella sua Viareggio.

Maggiori mostre personali:
1966 – (Italy) Athena Gallery in Livorno
1966 – (Italy) Olivetti Hall in Viareggio.
1968 – (Italy) Viareggio and Lucca.
1968 – (Brazil) Rio de Janeiro.
1969 – (Italy) Michelangelo Gallery, Montecatini.
1970 – (Italy) Olivetti Hall, Viareggio.
1970 – (Italy) Town House Palace, Pietrasanta.
1971 – (Italy) Gallery of Europe, Camaiore (Tuscana).
1971 – (Italy) Artemare Gallery, Viareggio.
1972 – (Italy) Saint Michael’s Gallery, Camaiore. Royal Hotel Hall, Viareggio.
1972 – (Italy) Seashore Palace, Pietrasanta.
1973 – (Italy) Acli Hall, San Giminiano.
1973 – (Italy) Principe di Piemonte, Hall of Arts, Viareggio.
1973 – (Italy) Boccaccio Gallery, Milano.
1973 – Vincitore del premio Costa crociere con mostra sull’ Eugenio C, navigando nel Mar Mediterraneo ed Oceano Atlantico.
1974 – (Italy) Capricorno Contemporary Arts Gallery, Milano.
1974 – (Italy) La Saletta Gallery, Milano.
1974 – (Italy) Guelfa Gallery, Firenze.
1974 – (Italy), l2th “Quadriennale Nazionale d’Arte”, Torino.
1975 – (Italy) Artemare Gallery, Viareggio.
1975 – (Italy) EPT Hall, Courmayer.
1976 – (Brazil) Esposizione do Caixara, Rio de Janeiro.
1977 – (Switzerland) First Prize “Geneva Targa Bellinzona 1977”.
1977 – (Italy) Gazzelle Cultural Hall, Versilia.
1978 – (Italy) San Marco Gallery, Lucca.
1980 – (Australia) Italian Art Festival in Melbourne.
1980 – (Scotland) the Art Festival di Edinburgh.
1982 – (Italy) Carnival Humour Exhibit, AcquiTerme.
1990 – (Australia) Italian Arts Festival, Fremantle and Perth Art Gallery.
1999 – (Italy) Hotel Excelsior, Cultural Hall, Viareggio.
2005 – (Italy) Museo della Marineria di Viareggio
2006 – (Italy) Museo della Marineria di Viareggio
2007 – (Italy) Museo della Marineria di Viareggio
2008 – (Italy) Gallery Europa, Lido di Camaiore (Toscana).
2009 – (Italy) Principino di Piemonte, Viareggio (Toscana).
2010 – (Italy) Principino di Piemonte, Viareggio (Toscana).